20.8 C
Pordenone
sabato 18 Maggio 2024
Home Autori Articoli di Franco

Franco

554 ARTICOLI 0 Commenti

Un Rifugio per Tutti… Tutti in Rifugio!

Il Rifugio Pordenone, da oltre 90 anni accoglie alpinisti e appassionati della montagna. Grazie alla gestione di Marika e Ivan, abbiamo passato momenti indimenticabili in...

Iscrizioni aperte al 2° Corso di Escursionismo Avanzato E2 anno 2024

Sono aperte le iscrizioni al 2° Corso di Escursionismo Avanzato E2 anno 2024, organizzato dalla Scuola Intersezionale di Escursionismo “Lorenzo Frisone” nelle date e modalità indicate nel programma allegato. Il Corso è rivolto a tutti i soci CAI che abbiano frequentato con profitto un corso base di escursionismo (E1 o EAI1) nei 3 anni precedenti.

Rinviata a domenica 17 marzo la gita allo Spiz de Zuel

Lo Spiz Zuèl (o Col de L’Agnelessa) è un isolato rilievo ricoperto di abeti che strapiomba sulla Val Zoldana. È un suggestivo balcone panoramico che fa da quinta ai gruppi montuosi posti all’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi: Moiazza, Cima Nord San Sebastiano, Spitz di Mezodì, Bosconero. Dalla vetta la vista spazia sulla conca Ampezzana: Civetta, Lagazuoi, Tofane, in lontananza, Pelmo, in primo piano, ed Antelao.

Dieci anni di sentierismo: I sentieri delle Sedonere e dei Cramars...

Serata dedicata al racconto del gruppo sentieristi della nostra sezione costituitosi dieci anni fa che si occupa della manutenzione dei sentieri; la serata continua con una sedonera di Cimolais che racconta la sua esperienza di venditrice ambulante, da Cimolais a Trieste e Pola nei primi anni del dopoguerra. Strade e vite dei Cramars e delle Cramere dalla Carnia all’Austria e Germania lungo le antiche vie romane; la Via Julia Augusta per il Norico.

Le serate del giovedì in sede – 14 marzo 2024

STORIE DI DONNE E UOMINI DELLA MONTAGNA FRIULANA - Luigina Battistutta racconta i suoi libri. Ne “Il mercante delle Alpi” l’autrice mette in luce un mestiere itinerante e girovago, una professione dura ma affascinante, il viaggio aperto, l’incontro con realtà nuove talvolta gratificanti, sempre comunque ardue. Nel secondo romanzo l’autrice racconta la storia di Caterina, una giovane contadina friulana come tante che vive in famiglia un’infanzia e un’adolescenza segnate dalla semplicità, nel contesto di un Friuli ancestrale e totalmente agricolo verso la metà del Settecento.

Iscrizioni aperte all’escursione di domenica 24 marzo a Malga Dauda

L’escursione si svolge nel cuore della Carnia, sulle pendici orientali del Monte Dauda. I fianchi di questa montagna come pure quelli delle vicine cime Arvenis e Tamai sono caratterizzati da ampi pascoli ad anfiteatro ricchi di malghe e casere, che consentono splendidi panorami di tutta la valle del But e su tutte le cime che circondano la Carnia, in particolare sul gruppo del Coglians.

Le serate del giovedì in sede – 7 marzo 2024

"DOLOMITI: MONTAGNE, UOMINI, STORIE" L'ambiente naturale e la sua tutela, quarto dei sei documentari alla scoperta delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO di Piero Badaloni. Le Dolomiti sono ancora oggi un paradiso per la flora e la fauna, un ecosistema che vanta ben 2.400 specie vegetali. Dagli animali selvatici come l'orso all'adorabile fiore della stella alpina, lo scrigno di tesori naturali che sono le Dolomiti è protetto da 9 enti parco e dall'istituzione nota come Le Regole...

Iscrizioni aperte all’escursione di domenica 3 marzo alla Casera Vinadia Grande

Casera Vinadia Grande si trova al centro di esteso pascolo racchiuso in una grande conca, a Nord-Est del Monte Pieltinis, nella splendida Val Pesarina. L’aspetto del pascolo è tipico delle grandi malghe della Carnia, dove d’estate si possono osservare i bovini al pascolo. Il panorama, specialmente salendo verso il Monte Pieltinis, si apre meravigliosamente verso il gruppo della Creta Forata e del Cimon.

Le serate del giovedì in sede – 29 febbraio 2024

Un’enorme barriera di 1.200 km emerge nel cuore dell’Europa: è la catena delle Alpi. Da oltre 5.000 anni l’uomo ne ha modificato le aree più accessibili, tracciando sentieri e reti di collegamento, costruendo città e sottoponendo il territorio ad un incessante sfruttamento. Ma le Alpi conservano ancora un’anima selvaggia.

45° Corso di introduzione alla Speleologia

Dal 5 al 28 aprile l'Unione Speleologica Pordenonese CAI organizza il 45° Corso di introduzione alla Speleologia. Il Corso rappresenta il primo ingresso nello splendido mondo delle grotte, dell'esplorazione, della ricerca, seguiti dai nostri istruttori e specialisti, che vi darà modo di ampliare il vostro sguardo dentro le nostre montagne, dove l'avventura sarà travolta dalla meraviglia.