Sentiero “Pietro Tajariol”

Il sentiero Pietro Tajariol n. 360 è attualmente inagibile

Il sentiero Attrezzato “Pietro Tajariol” è dedicato a uno dei pionieri dell’Alpinismo Pordenonese.
Venne inaugurato lo stesso giorno dell’inaugurazione bivacco Granzotto Marchi, nell’ottobre del 1963, per collegarlo attraverso Forcella Cimoliana, la Val Monfalcon di Cimoliana e Forcella del Leone, al bivacco Perugini.

Il sentiero che porta il numero 360, sale dal bivacco Perugini (m.2060) verso la Forcella Cimoliana (m.2183) fra il Monfalcon di Montanaia a Nord e la Croda Cimoliana a Sud (superba dalla forcella la visione sul Campanile di Val Montanaia);
da qui si scende ora nel ripido canalone ghiaioso (faticosissimo in salita),interrotto nella parte bassa da un breve salto roccioso.
Questo è il tratto attrezzato del percorso, e lo si percorre tramite l’ausilio di alcune scalette metalliche ben assicurate da una fune d’acciaio.
Da qui si traversa a sin. e con una lunga traversata si va a raggiungere a q.1800 c. il sentiero segn. 349 che risale quasi sul fondo la Val Monfalcon di Cimoliana.
Per questo sentiero si sale ora verso la forcella del Leone (m.2290). Da qui in breve per ghiaie si scende al sottostante bivacco Granzotto-Marchi. Tempo totale c. 3 ore.

Per il ritorno al rifugio Pordenone si può scendere lungo la Val Monfalcon di Forni e la val Meluzzo attraverso il sentiero segn. 359 e 361 ore 2.45;
oppure risalire alla forcella del Leone e scendere lungo la Val Monfalcon di Cimoliana per il sentiero segn. 349 ore 2.30.