la Biblioteca “Carlo Alberto Maddalena”

La Sezione di Pordenone mette a disposizione dei propri soci una Biblioteca che raccoglie un discreto numero di Libri riguardanti il mondo della montagna in ogni sua forma.
E’ possibile consultare volumi di diverso genere, partendo da quelli riguardanti l’ambiente alpino, la flora, la fauna, dalla narrativa fino alle guide escursionistiche ed alpinistiche.
È importante ricordare che “l’andare in montagna”, è si camminare ed arrampicare, ma significa anche conoscere l’ambiente che ci circonda per meglio affrontarlo e conoscere la vita e le avventure dei grandi Alpinisti che ci hanno preceduto.
La Biblioteca diventa quindi uno strumento indispensabile per la nostra attività.
Un patrimonio a disposizione di tutti i Soci che va curato ed aggiornato con l’aiuto di tutti i Soci, perché possa sempre essere il punto di partenza di ogni nostra attività in montagna.

Cenni Storici

Non si possiedono notizie certe sulla costituzione della biblioteca in quanto per una serie di coincidenze gran parte dei documenti storici sono andati dispersi, ma dalla dedica eseguita sul libro “L’opera del Club Alpino Italiano nel suo primo cinquantenario 1863 – 1913” che fu dono della Sede Centrale in occasione della costituzione della Sezione, si può affermare che, già dalla nascita della Sezione di Pordenone, si procedette ad una raccolta di libri aventi per soggetto la montagna.
Tale affermazione è poi suffragata da alcune note apposte su altri titoli storici custoditi nell’attuale biblioteca. Sempre su tali testi, da un vecchio sistema di numerazione ed inventario, si può dedurre che in biblioteca agli inizi degli anni 40 ci fossero circa 400 libri. Purtroppo dalla numerazione mancante si deduce che gran parte di tali testi sono andati persi, tanto che all’inizio degli anni 80 il quantitativo era praticamente lo stesso.

Nel 1987, in occasione dell’acquisto dell’attuale Sede sociale, un gruppo di soci volle ricordare “Carlo Alberto Maddalena”, allora recentemente scomparso, donando gli arredi per la Biblioteca che prese quindi il nome da tale socio fondatore della Sezione.

Da allora l’incremento del patrimonio librario è stato sempre costante fino agli attuali 1700 titoli monografici, 100 testate periodiche, 750 carte topografiche ed una serie di videocassette e CD sempre con tema inerente ai monti. Sono pure custoditi in biblioteca, una serie di preziosi libri di vetta e di rifugio.